Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici, necessari alla navigazione stessa. Non sono raccolti i dati di navigazione, in nessuna forma.

Copyright 2017 - Custom text here
  • © stephen chown via sxc

  • © T. Duff via sxc

  • © Monia Zanin

  • © mirko delcaldo via sxc

  • © Monia Zanin

  • © Monia Zanin

Prof. Fausto Quintavalla

Università di Parma,

ordinario di Clinica Medica alla Facoltà di Medicina Veterinaria,

past president AIVPAFE 

La scelta di portare nella nostra casa un gatto è una decisione importante, che sicuramente crea le condizioni di un rapporto pieno di gioia e tenerezza, ma comporta anche responsabilità precise, soprattutto per quanto riguarda la tutela della sua salute. 

Il primo appuntamento da rispettare è quello con le vaccinazioni. Quando nascono, i gattini sono protetti dalle malattie che potrebbero colpirli dal colostro assunto dalla madre, che contiene gli anticorpi in grado di difendere il suo piccolo organismo. Questa "protezione" di origine materna inizia, però, a venire meno intorno alla settima settimana d'età. E poiché in genere i gatti entrano nelle nostre case proprio intorno all'ottava-nona settimana di vita, cioè quando la protezione di origine materna inizia ad essere insufficiente, bisogna subito iniziare dal Veterinario una adeguata protezione vaccinale. 

Bisogna però considerare che non tutti i gatti sono uguali. Lo stile di vita di un gatto cittadino e quello di un animale che vive in campagna sono infatti molto diversi, e ovviamente espongono i gatti in modo differente ai diversi rischi di infezione. 

Ecco perché il veterinario deve poter scegliere la protezione più indicata per ciascun gatto, valutando tutti i fattori coinvolti:

o Stile di vita

o Ambiente di residenza (urbano o rurale)

o Età

o Stato generale di salute

o Spostamenti

o Esigenze del proprietario

Le malattie dalle quali è possibile proteggere il gatto con la vaccinazione sono cinque (Herpesvirosi, Calicivirosi, Panleucopenia, Clamidiosi e Leucemia felina), e poiché i rischi variano a seconda dello stile di vita del gatto, il Veterinario ha la possibilità di individuare la protezione più indicata nel singolo caso.

Classificare i gatti in base allo stile di vita può dare utili indicazioni per individuare la protezione vaccinale specifica per tutte le situazioni:

 

STILE DI VITA

CARATTERISTICHE

PROTEZIONE VACCINALE

Vita all’aperto

Trascorre tutta la vita all’aperto. Contatti costanti con altri gatti, di cui non si conosce la storia vaccinale.

Protezione di base:

Herpes, Calicivirus, Panleucopenia, Clamidiosi, Leucemia felina

Prevalentemente all’aperto

Maggior parte del tempo all’aperto. Contatti frequenti con altri gatti. Convivenza con altri gatti nella stessa casa. 

Protezione di base:

Herpes, Calicivirus, Panleucopenia

Protezione consigliata: Clamidiosi, Leucemia felina

Prevalentemente in casa

Contatti occasionali con altri gatti che vivono all’aperto. Convivenza con altri gatti nella stessa casa.

Protezione di base:

Herpes, Calicivirus, Panleucopenia

Protezione consigliata:Leucemia felina

Vita in casa

Vita esclusivamente in casa. Nessun contatto con altri gatti. 

Protezione di base:

Herpes, Calicivirus, Panleucopenia

 

Protezione personalizzata e gamma vaccinale 

Perché la protezione vaccinale possa essere realmente “su misura”, il Veterinario deve poter scegliere tra diverse associazioni vaccinali all’interno di una gamma completa e con caratteristiche comuni. 

fonte:www.vaccinazionisumisura.com

 

 

Contatti

Copyright

Tutti i diritti riservati. I testi, quando non vi è espressamente riportato l'autore, sono di proprietà di Miagolando.com e possono essere citati solo con riferimento a questo sito come fonte.