Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici, necessari alla navigazione stessa. Non sono raccolti i dati di navigazione, in nessuna forma.

Copyright 2017 - Custom text here
  • © stephen chown via sxc

  • © T. Duff via sxc

  • © Monia Zanin

  • © mirko delcaldo via sxc

  • © Monia Zanin

  • © Monia Zanin

La vaccinazione FIV e FeLV va decisa dopo una valutazione individuale del rischio

Le Linee guida 2008 della American Association of Feline Practitioners per l'approccio ai retrovirus felini sono state pubblicate sul numero di luglio del Journal of Feline Medicine & Surgery. FeLV e FIV sono tra le più frequenti infezioni del gatto. Benché siano disponibili i vaccini per entrambi i virus, l’identificazione e la segregazione dei gatti infetti costituiscono la pietra miliare della prevenzione di nuove infezioni. Le linee guida considerano diagnosi, prevenzione, trattamento e gestione delle infezioni FeLV e FIV.

Tutti i gatti dovrebbero essere sottoposti a test FeLV e FIV a intervalli appropriati sulla base della valutazione individuale del rischio; ad esempio, al momento dell'adozione, in seguito a esposizione a un gatto infetto o il cui stato infettivo è sconosciuto, prima della vaccinazione FeLV o FIV, prima dell'ingresso in una comunità e in caso di malattia. Nessun test è accurato al 100% in ogni occasione e in tutte le condizioni. I risultati dovrebbero essere interpretati insieme allo stato di salute e ai fattori di rischio del paziente.

I test per i retrovirus possono diagnosticare soltanto l’infezione, non la malattia clinica, e i gatti infettati da FeLV o FIV possono vivere molti anni. La decisione di effettuare un'eutanasia non dovrebbe mai essere basata unicamente sulla presenza di infezione. La vaccinazione contro FeLV è altamente raccomandata nei gattini. Nei gatti adulti, i vaccini anti-retrovirali sono considerati “non-core” e dovrebbero essere somministrati solo se la valutazione del rischio ne indica l'appropriatezza.

Sono pochi gli ampi studi controllati che riguardano l'utilizzo di farmaci antivirali o immunomodulatori per il trattamento dei gatti con infezione naturale. Sono necessari ulteriori studi per identificare la migliore strategia per migliorare l'esito a lungo termine delle infezioni retrovirali nel gatto.

 

“2008 American Association of Feline Practitioners' feline retrovirus management guidelines” Julie Levy, Cynda Crawford, Katrin Hartmann, Regina Hofmann-Lehmann, Susan Little, Eliza Sundahl, Vicki Thayer. J Feline Med Surg. Volume 10, Issue 3, July 2008, Pages 300-316

Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte : Journal of Feline Medicine & Surgery,

Contatti

Copyright

Tutti i diritti riservati. I testi, quando non vi è espressamente riportato l'autore, sono di proprietà di Miagolando.com e possono essere citati solo con riferimento a questo sito come fonte.