Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici, necessari alla navigazione stessa. Non sono raccolti i dati di navigazione, in nessuna forma.

Copyright 2017 - Custom text here
  • © stephen chown via sxc

  • © T. Duff via sxc

  • © Monia Zanin

  • © mirko delcaldo via sxc

  • © Monia Zanin

  • © Monia Zanin

Arriva un cucciolino a far compagnia al vostro amato peloso? 

Dalla mia esperienza vi posto qualche suggerimento comportamentale che potrà tornarvi utile.

PRIMA che i due gatti entrino in contatto, il piccolo deve aver avuto modo di prendere confidenza assoluta con voi, in modo da poter confidare nel vostro appoggio e nella vostra rassicurazione se si spaventa.

Fatto questo, sempre PRIMA di incontrare l'altro gatto, deve avere una buona dimestichezza con la casa. Se cioè gli aprite la porta della stanza in cui starà e lo mettete in contatto con il gatto adulto, in un ambiente che non conosce, non sapendo cosa fare, dove andare, i punti di fuga, gli eventuali rischi, ecc. c'è il caso che vada in panico.

Quindi: mettetelo pure in una stanza, se preferite, dove però abbia la possibilità di stare MOLTO in contatto con voi, di abituarsi a rumori nuovi, alle vostre voci, al vostro odore, ecc.

Poi, senza il micio adulto, fategli conoscere bene la casa, così che possa abituarsi, e intanto sentire l'odore del micio adulto.

In ultimo, fategli conoscere il micio adulto, con calma.

La reazione normale sarà di paura: il micio adulto forse ha un colore molto diverso, una taglia decisamente più grande rispetto al piccolo. Il piccolo allora si spaventerà. Potrà andare a nascondersi, se è un pauroso (LASCIATELO FARE, non forzatelo in alcun modo!! un vostro intervento da lui percepito come forzatura potrebbe essere molto peggio, traumatizzarlo), oppure potrebbe affrontarlo con ringhi, soffi, ecc. Anche in questo secondo caso, LASCIATELO fare, è normale che sia così, sarebbe assurdo chiedere a un gatto di non comportarsi da gatto.  Intervenite SOLO se la cosa sfugge di mano, cioè rissa grave.

Ma vi dico subito che è rarissimo, davvero rarissimo che con un cucciolo si arrivi a questo.

Nel caso, comunque, limitatevi a separare i due gatti, mettendoli in due stanze diverse.

Non sgridateli, nessuno dei due capirebbe perché, loro stanno solo facendo quello che è normale, e sarebbe peggio.

Il mio consiglio è, ovviamente, di essere presenti quando li mettete insieme. NON metteteli vicini, ASSOLUTAMENTE, ma solo nella stessa stanza, in modo che si scoprano da soli.

State lì, comportatevi normalmente, parlate (le vostre voci li tranquillizzano, capiranno che non è una situazione pericolsa se voi vi comportate come se niente fosse), fate gesti tranquilli, fregatevene se soffiano o urlano, non fissateli, non state lì in ansia, a vedere ogni movimento.

Lasciateli fare, stando attenti ad intervenire solo se si rischia il sangue.

Spesso accade che che la reazione più pesante l'abbia il cucciolo, per paura.

Un adulto vede un cucciolo come un fastidio, più che altro, è il piccolo che si sente minacciato...

Quindi, secondo me, i gatti dovrebbero stare chiusi un po' a turno, se no il piccolo non avrà mai l'opportunità di imparare spazi, odori, voci, rumori e prendere confidenza.

Detta così, sembra una roba da due settimane, non crediate.

I cuccioli sono, generalmente, molto curiosi e si ambientano velocemente.

Per la vita in casa, poi, certo dipende molto anche dai caratteri dei due mici. In linea generale i cuccioli sono molto esuberanti ed attirano l'attenzione per forza di cose...quindi dovrete far sentire al micio adulto che lui è adorato come sempre, ma contemporaneamente dovrete rapportarvi al piccolo, che avrà bisogno di giocare, di essere molto coccolato, molto manipolato (seduti per terra, con lui, come se fosse proprio un bimbo, deve sentire che gli parlate, ecc.)

Lasciatelo fare, esplorare, correre, ecc.

Le cose con il micio adulto si metteranno a porto da sole, più o meno lentamente. Nell'arco di una settimana dovrebbe essere tutto a posto.

E' facile che il micio adulto dimostri una certa insofferenza, che gli adulti hanno nei confronti di quei rompiscatole dei cuccioli, ma è normale che sia così, e quindi evitare un po' il cucciolo e la sua esuberante presenza.

Oppure il gatto adulto potrebbe decidere di fare la mamma/babbo, accudendolo, anche perché i cuccioli hanno bisogno ancora di sicurezza e protezione...oppure l'insieme delle due cose.

Vivete questi momenti con serenità e godeveteli. Tenete a portata di mano la digitale: certi incontri vanno immortalati!

Saranno i momenti da ricordare davvero per sempre...

 

di Gri

 

Contatti

Copyright

Tutti i diritti riservati. I testi, quando non vi è espressamente riportato l'autore, sono di proprietà di Miagolando.com e possono essere citati solo con riferimento a questo sito come fonte.