Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici, necessari alla navigazione stessa. Non sono raccolti i dati di navigazione, in nessuna forma.

Copyright 2017 - Custom text here
  • © stephen chown via sxc

  • © T. Duff via sxc

  • © Monia Zanin

  • © mirko delcaldo via sxc

  • © Monia Zanin

  • © Monia Zanin

CASO CITOLOGICO

A cura di: Mario Caniatti, Dr Med Vet, Dipl ECVP

Istituto di Anatomia Patologica Veterinaria e Patologia Aviare - Università degli Studi di Milano - Via Celoria 10, 20123 Milano

QUAL È LA VOSTRA DIAGNOSI?

GABRIELE GHISLENI, FABIO NÄGELI*, CATHERINE NÄGELI-SCHENKER*

Libero professionista -“Specialista in tossicologia” - Milano

*Libero professionista - Via S. Gottardo, 128 - 6828 Balerna (Svizzera)

Segnalamento: Gatto, comune europeo, maschio castrato di 5 anni.

Dati anamnestici e clinici: “Bruce” è un gatto che viveva in casa, aveva la possibilità di accedere ad un giardino e non conviveva con altri animali domestici.

L’ultima visita di controllo era stata effettuata tre anni prima in occasione di una vaccinazione e, da allora, il gatto era stato, a detta dei proprietari, in buona salute. Ora Bruce veniva sottoposto a visita clinica per una massa neoformata nel sottocute in corrispondenza dell’ultima vertebra toracica e della prima lombare. Il gatto appariva in buone condizioni generali di salute, lo stato di nutrizione era sufficiente, le mucose apparenti erano normali, così pure la temperatura.

QUAL È LA VOSTRA DIAGNOSI?

Caso clinico a cura di STEFANO BO

Libero professionista Torino - Prof. a Contratto in clinica delle malattie infettive del gatto - Facoltà di Medicina Veterinaria, Torino

SEGNALAMENTO

Romeo, gatto europeo domestico a pelo corto di un anno.

DATI ANAMNESTICI E CLINICI

Romeo venne portato in visita per una tosse non-produttiva e grave dispnea comparsa negli ultimi due giorni. Alla visita clinica il gatto si presentava dispnoico, tachipnoico, con riscontro di rumori a bolle e fischi all’auscultazione polmonare. Vennero eseguite due radiografie, in proiezione LL ed in DV. I radiogrammi mostrarono un grave quadro polmonare con pattern misto di tipo interstiziale ed alveolare (broncogramma aereo), con presenza di densità peribronchiali, in alcuni casi nodulari. La diagnosi differenziale radiologica contemplava una broncopolmonite, edema grave od un fenomeno emorragico. La diagnosi differenziale sulla base anche dei segni clinici comprendeva malattie sistemiche fungine come la Cryptococcosi, l’Istoplasmosi e l’Aspergillosi; FIP; neoplasie (linfoma, metastasi); infestazione da vermi polmonari; broncopolmonite batterica o protozoaria. Anche la Toxoplasmosi può provocare malattie respiratorie ad insorgenza acuta ed i segni radiografici possono essere legati alla comparsa di lesioni polmonari granulomatose confluenti, che sono simili a quelli che si producono in corso di malattie fungine. L’emocromo completo (CBC) ed il profilo biochimico comprendente il quadro elettroforetico (QPE) non mostrarono alterazioni significative tranne la presenza di una moderata eosinofilia. L’esame delle feci per flottazione, i test FIV/FeLV, il titolo IgG e IgM per Toxoplasma gondii, risultarono tutti negativi. Venne quindi eseguito un lavaggio bronco-alveolare (BAL) di cui si allega immagine del sedimento.

Qual è la vostra diagnosi?

Xavier Roura

Med Vet, Phd, Dipl ECVIM-CA, Barcellona, Spagna

www.ivis.org/proceedings/scivac/2005/Roura6.pdf

 

Sintomatologia dell’infezione da retrovirus in un gatto con interferone omega

 

di Didier Lanore - DVM

Responsabile delle visite di oncologia all’ ENVT

Storia del caso

Caline, una femmina di gatto Europeo di 7 anni è stata portata alla visita con sintomi di letargia e difficoltà nell’alimentazione malgrado un appetito normale. L’animale era stato visitato cinque mesi prima per una stomatite cronica refrattaria al trattamento con antibiotici (amoxicillina – acido clavulanico per un mese). Non erano ancora stati eseguiti ulteriori accertamenti. Il gatto non era stato sterilizzato e mai vaccinato. I proprietari riferivano anche un prurito intenso.

Esame fisico

L’esame clinico ha rivelato che il gatto era molto dimagrito da diverse settimane (2.95 kg p.c.). L’esame delle mucose mostrava una grave anemia (foto 1). La bocca presentava una grave stomatite ulcerosa e proliferativa, estesa dalla mandibola alla gengiva mascellare agli archi palatoglossi. La temperatura rettale era normale (38.5°C) e l’animale non era disidratato. Dermatologicamente si notava una marcata seborrea secca squamosa.

Contatti

Copyright

Tutti i diritti riservati. I testi, quando non vi è espressamente riportato l'autore, sono di proprietà di Miagolando.com e possono essere citati solo con riferimento a questo sito come fonte.