Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici, necessari alla navigazione stessa. Non sono raccolti i dati di navigazione, in nessuna forma.

Copyright 2017 - Custom text here
  • © stephen chown via sxc

  • © T. Duff via sxc

  • © Monia Zanin

  • © mirko delcaldo via sxc

  • © Monia Zanin

  • © Monia Zanin

Ernia iatale: inquadramento clinico, diagnosi e trattamento

Paolo Buracco, DVM, Dipl. ECVS

Roberta Caccamo, DVM, PhD

Dipartimento di Patologia Animale, Facoltà di Medicina Veterinaria di Torino

Via Leonardo da Vinci 44, 10095 Grugliasco (TO)

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L’ernia iatale è un patologia poco comune nei cani e nei gatti e consiste nella protrusione di parte di contenuto addominale nel mediastino caudale attraverso lo iato esofageo del diaframma. Le forme congenite sono le più frequenti e conseguono ad un’anomalia dello iato esofageo unitamente ad una lassità del legamento frenicoesofageo; le forme acquisite possono essere secondarie a traumi, ad ostruzione delle alte vie respiratorie, e associarsi a vomito o a tetano. La classificazione in quattro tipi di ernia iatale descritta in medicina umana è stata applicata anche ai piccoli animali. Il tipo più frequente è l’ernia iatale da scivolamento o assiale (tipo I) in cui si ha dislocazione della porzione addominale dell’esofago, della giunzione gastroesofagea e di parte dello stomaco in cavità toracica.

Contatti

Copyright

Tutti i diritti riservati. I testi, quando non vi è espressamente riportato l'autore, sono di proprietà di Miagolando.com e possono essere citati solo con riferimento a questo sito come fonte.