"L'Industriale" con Pierfrancesco Favino

Immagine Il cinema d'autore, d'intrattenimento, dei sentimenti, del fantastico e del terrore! I documentari, la storia rivisitata, i cartoons. Le soap, i contenitori ed i reality.
Le miagolette dicono..

Moderatore: Silvi

Regole del forum
Immagine Sezione riservata parzialmente agli iscritti al forum di Miagolando (leggibile ai visitatori).
Avatar utente
GRI
MiagoIngaMod
Messaggi: 9788
Iscritto il: 17 febbraio 2009, 9:54
Gatti: 2
Località: ANCONA
Contatta:

"L'Industriale" con Pierfrancesco Favino

Messaggioda GRI » 11 gennaio 2012, 11:34

Un lavoro teso, suggestivo e azzeccato sulla crisi economica del nostro paese, interpretato da Favino (lo adoro... :occhioniacuore: ) e ambientato a Torino.




Proprietario di una fabbrica ad un passo dal fallimento, l'ingegnere quarantenne Nicola Ranieri non può più ottenere prestiti bancari per tamponare la situazione. Se la procedura di una salvifica join venture con una compagnia tedesca è sempre più incerta, per caparbietà e orgoglio rifiuta anche quell'aiuto economico della ricca suocera che potrebbe salvarlo. Mentre gli operai dimostrano comprensibile preoccupazione per il loro futuro, la moglie Laura appare sempre più distante. L'industriale comincia così a nutrire dubbi sulla fedeltà della consorte e si mette a pedinare ogni sua mossa.
A tre anni da I demoni di San Pietroburgo, ultimo lungometraggio di finzione di una carriera registica cinquantennale, Giuliano Montaldo torna al cinema con un lavoro teso, suggestivo e azzeccato nella sua adesione alla storia contemporanea del Paese. L'Italia mostrata è, infatti, quella della grande crisi economica degli ultimi anni, terra degli imprenditori travolti dal fallimento e del denaro che brucia. Calato nella notevole fotografia di Arnaldo Catinari – plumbea, fredda, grigissima – questo racconto che conferma l'impegno civile dell'autore è dotato di apprezzabili evoluzioni, di graffianti riavvii e precise notazioni in grado di tenere desta l'attenzione fino all'ambiguo finale. Proprio nei momenti in cui pare afflosciarsi, la sceneggiatura del cineasta e di Andrea Purgatori trova, invece, nuovi sbocchi e inaspettate intonazioni (la gag dei ristoratori giapponesi) fino a quella coda gialla che dà un volto completamente differente alla storia così come l'avevamo immaginata. L'aspetto economico – pubblico (la vicenda della fabbrica) e quello affettivo – privato (l'allontanamento della moglie) avvalorano insieme il totale fallimento del personaggio ben interpretato da Pierfrancesco Favino, cui sfugge il divario tra l'avventuroso passato del genitore e il suo spietato presente. Si tratta di una disfatta che coinvolge inoltre la figura paterna, assenza – presenza dietro a molti atteggiamenti di Nicola: nell'operaio più anziano della fabbrica o nell'amico imprenditore che incontra in piscina c'è, nemmeno troppo nascosto, il riverbero di un padre cui non vuole o non può dare delusioni. Nonostante qualche goffaggine di troppo e alcuni stereotipi, specialmente nei caratteri secondari, il film di Montaldo ha il merito di far riflettere e di intrattenere, nella memorabile cornice di una Torino piovigginosa, livida e quasi priva di colore. Il critico cinematografico Steve Della Casa interpreta uno degli operai.


http://www.mymovies.it/film/2011/lindustriale
E' vero che non sei responsabile di quello che sei,
ma sei responsabile di quello che fai di ciò che sei.

------------------------------------------------------------------------
Accadono cose che sono come domande.
Passa un minuto, oppure anni, e poi la vita ti risponde

------------------------------------------------------------------------
Tre sono le tue frecce.
Una per la mente - Una per il cuore - Una per lo Spirito.
Ascolta.
Guida la mente per conoscerti, falla diventare strumento del cuore e tramutalo in potenza del tuo Spirito.
Vai Oltre... l'immagine che hai di Te.


Torna a “La vita come un film”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite