Storia clinica della mia Isotta (steatosi epatica)

Ipotiroidismo- Ipertiroidismo-Diabete, patologie del fegato, pancreas ecc..
Avatar utente
Pally
MiagoMultiBabbing
Messaggi: 5008
Iscritto il: 6 settembre 2008, 9:53
Gatti: 3
BabbiPunti: 500
Località: Torino
Contatta:

Storia clinica della mia Isotta (steatosi epatica)

Messaggioda Pally » 21 febbraio 2010, 19:56

Mod se ho sbagliato sezione e se ritenete che qui non vada bene, spostate tutto eh...grazie

Voglio raccontarvi la storia clinica della mia micia primogenita perché è emblematica e forse può servire a chi dovesse affrontare questi vari problemi di salute.

Isotta viene trovata da noi nel cortile a fianco del nostro negozio nel gennaio 2005 in uno stato spaventoso: è rachitica, malata, denutrita, ha una rinotracheite acuta e si presume che abbia addirittura superato da sola la clamidia. E' terrorizzata dagli umani. Ignoriamo cosa abbia subito.
Non si sa da dove venga, se si è smarrita o se è stata abbandonata. Fa un freddo polare e noi non ci pensiamo un attimo a catturarla e portarla a casa.
La micia ha presumibilmente 6 mesi ma pesa 1 kg scarso...vi lascio immaginare :cry2:

Hanno inizio le cure contro acari, vermi, rinotracheite (curata con antibiotici e aerosol), congiuntivite, otite, gengivite, gastroenterite. Il vet mi dice chiaro e tondo che ci proviamo ma di non affezionarmi troppo...

Viene testata con il test rapido FIV FELV che risulta miracolosamente negativo, ma non possiamo vaccinarla perché è troppo malata.
Nel frattempo hanno inizio dei calori silenti ma non possiamo sterilizzarla perché è troppo sottopeso e per affrontare l'intervento deve riprendersi un po'.

Dopo tre mesi, siamo a fine aprile 2005, Isotta ha preso peso ora è quasi 2 kg, è guarita per alcune patologie ma altre sembrano cronicizzarsi come la rino e la gengivite. Il vet decide però di procedere con la sterilizzazione (ovariectomia) e vaccinazioni.

Isotta ha un post operatorio faticoso, la ferita suppura e le spunta una specie di ernietta che poi però rientra nel giro di 3 mesi. Viene curata con antibiotici a ampio spettro.
Intanto la rino non le da tregua e decidiamo di passare al Baytril che finalmente sembra risolvere il problema.

Un anno dopo essere entrata in casa nostra Isotta "forse" ha smesso di sternutire.

Ma ecco un nuovo guaio in agguato: ai primi di maggio 2006 ci accorgiamo che la gengivite di cui soffre a periodi alterni è diventata qualcosa di più aggressivo, le duole molto, non riesce a mangiare. Si procede con antibiotici e cortisone ma la situazione precipita, perché questa gengivite ha formato dei granulomi all'istmo delle fauci che vanno assolutamente asportati e analizzati.

Subisce il primo intervento il 17 maggio, il campione viene spedito per il citologico, ma 15 giorni dopo si è già riformato un secondo granuloma nello stesso punto. Bisogna di nuovo intervenire. Il 14 giugno subisce il secondo intervento con estrazione anche dell'ultimo molare.
Finalmente arrivano i citologici che decretano una : stomatite plasmacellulare autoimmune.

Contro le malattie autoimmuni non ci sono molte cure, si va di cortisone quando la situazione diventa di crisi e Isotta, putroppo, ha un sistema immunitario a pezzi forse proprio a causa della sua terribile infanzia di stenti.

Un anno dopo i due interventi, e siamo a maggio 2007, si infiammano in maniera impressionante le ghiandole perianali, anche queste curate con terapia antibiotica locale e orale.

Trascorre 1 anno di discreti alti e bassi, sempre all'erta per le gengive, i raffreddori, il culetto santo, lo scarso appetito che io scambio per capricci (Isotta è oggettivamente viziata :silvi1: ) e che invece sono il primo campanello d'allarme per quella che forse è stata la lotta più dura che abbiamo sostenuto finora.
Ha inizio il problema epatico che si manifesta con scarso appetito, nausee e vomiti sempre più frequenti.
Corro dal vet che esegue gli esami enzimatici e risultano dei valori completamente sballati su transaminasi, bilirubina, colesterolo e glicemia.

Il fegato è ingrossato ma la micia non è itterica. Iniziamo subito una terapia con antibiotici, cortisone e epatoprotettori e dieta stretta per vedere se questi esami migliorano. Isotta smette di vomitare bile e cibo, riacquista un po' di forze e un po' di peso di nuovo perso. Tuttavia i valori al controllo successivo sono peggiorati.
Si decide di fare un'ecografia da cui risulta
il fegato : parenchima diffusamente iperecogeno, non lesioni focali, colecisti priva di calcoli o fondo biliare, non ectasia delle vie biliari intra ed extra epatiche, discreto aumento morfovolumetrico.
l'apparato gastroenterico non si evidenziano lesioni
pancreas per la porzione esplorabile non si evidenziano lesioni
milza nella norma
vescica e reni nella norma
DIAGNOSI quadro compatibile con steatosi epatica, si consigliano epatodisintossicanti e dieta ipocalorica.

Ricominciamo la terapia e al successivo controllo gli esami sono ancora peggiorati. Si comincia a prospettare un problema diabetico dove la steatosi epatica è conseguenza e non causa.
Però la glicemia è ancora bassa per pensare all'insulina e quindi continuiamo la cura e la dieta.

All'ultimo controllo (giugno 2009) il vet mi dice che questa micia ha dei valori così fuori norma che lui pensa sia ormai un problema di cirrosi epatica irreversibile e che, poiché non è previsto il trapianto nei mici, mi devo rassegnare a perderla. saluti.

Al che, dopo un lunghissimo attimo di panico, mi rivolgo a chiunque possa aiutarmi via internet, via mail, via telefono e la nostra GRANDE Maya (zia sKass per me) mi fa una proposta che si rivelerà vincente!
Porto Isotta a un consulto dalla sua vet che dopo un'accuratissima anamnesi e visita generale, rifà tutte le analisi.
La micia non è MAI stata itterica, come può avere valori così assurdi?

I nuovi esami prospettano un quadro molto serio ma non tragico come mi era stato descritto dall'altro vet e la nuova vet ha la famosa intuizione del Glutamax in pasta associato al Denosyl come cura d'urto per riassestare il FILTRO fegato.
Ai primi di settembre ripetiamo le analisi e finalmente i valori si sono stabilizzati! la vet non ritiene necessaria un'altra ecografia e addirittura normalizza la dieta rigidissima di Isotta con l'introduzione di crocchi un po' più calorici.

La micia sta bene, il peso è stabile e attestato sui 3,7, non vomita, ha appetito, sporca bene, è reattiva.

Ma dato che con Isotta mai niente è per sempre meno che mai stati di salute ottimale ( :brrrrrrrrr: ) al nuovo controllo di febbraio 2010 ci accorgiamo di nuovi valori sballati, questa volta non enzimatici - che ora sono perfetti - ma quelli dell'emocromo:
Isotta ha pochi globuli bianchi, tutta la linea dei neutrofili è molto bassa e la vet comincia a sospettare una leucopenia. Vengono rifatti i FIV e FELV che sono negativi e ora siamo in ballo per una sequela di esami che possano escludere patologie molto gravi.

Il prossimo prelievo sarà il 24, tra tre giorni. Lo so che devo mantenere la calma ma mi riesce un po' difficile.

però Isotta pur nella sua fragilità è una guerriera nata e io so che supereremo anche questa.
Ce lo dobbiamo, è un nostro patto segreto :silvi1:

Scusate se mi sono dilungata tanto
Paola Immagine con Isotta+Olimpia+Filippo+Eva

YOGHI cagnone disabile, adottato a distanza, nostro nuovo membro della famiglia!

http://www.libreriaessai.com/

Avatar utente
Edvigelacivetta
MiagoViceAdmin
Messaggi: 8900
Iscritto il: 15 agosto 2008, 22:16
Gatti: 3
BabbiPunti: 10000
Località: Lodi
Contatta:

Re: Vi racconto la storia clinica della mia Isotta

Messaggioda Edvigelacivetta » 21 febbraio 2010, 20:09

Isotta è una vera lottatrice!! e ha trovato dei bravissimi compagni umani :flowers:
Lalla, Byron, Linus e Sibilla

ciao Pallina, mi mancherai :flowers:

Team Leo! Ciao Gelsomino...

Avatar utente
Maya
MiagoAdmin
Messaggi: 15056
Iscritto il: 15 agosto 2008, 0:03
Gatti: 2
Località: Torino
Contatta:

Re: Vi racconto la storia clinica della mia Isotta

Messaggioda Maya » 21 febbraio 2010, 20:36

il toxotest siete riuscite a farlo con i campioni del prcedente prelievo oppure fate ora?
Miss Parker Maya sKassola CapaSanta da Miagolando e le sue panterine Maya e Kiki
Roccoangioletto :monia1:

MAPPA DEL FORUM: viewtopic.php?f=15&t=7070
ISTRUZIONI, REGOLAMENTO E NETIQUETTE: http://miagolando.com/forum/viewforum.php?f=3

Avatar utente
Silvi
MiagoFantescaAdmin
Messaggi: 16540
Iscritto il: 13 gennaio 2009, 13:29
Gatti: 3
altri amici pelosi e non: Birillo (fratello-cane)!!
Località: Firenze
Contatta:

Re: Vi racconto la storia clinica della mia Isotta

Messaggioda Silvi » 21 febbraio 2010, 20:36

Cucciolotte! Un abbraccio! :monia1:
ImmagineLa mano sulla ciotola è la mano che governa il mondo.
Se a volte urlo la rabbia, poi dimentico e mi perdo nei mondi dentro agli occhi dei miei gatti
http://it-it.facebook.com/RenziLeaks

Chi compra cuccioli online è complice del traffico illegale

Avatar utente
Pally
MiagoMultiBabbing
Messaggi: 5008
Iscritto il: 6 settembre 2008, 9:53
Gatti: 3
BabbiPunti: 500
Località: Torino
Contatta:

Re: Vi racconto la storia clinica della mia Isotta

Messaggioda Pally » 21 febbraio 2010, 20:45

Maya ha scritto:il toxotest siete riuscite a farlo con i campioni del prcedente prelievo oppure fate ora?

Sì facciamo il 24...così è tutto fresco. Tra l'altro userà una provetta speciale mi ha detto, che le danno direttamente dal lab per evitare possibili dispersioni o inquinamenti.

va rifatta anche la conta delle piastrine che è bassa
Paola Immagine con Isotta+Olimpia+Filippo+Eva

YOGHI cagnone disabile, adottato a distanza, nostro nuovo membro della famiglia!

http://www.libreriaessai.com/

Avatar utente
Pally
MiagoMultiBabbing
Messaggi: 5008
Iscritto il: 6 settembre 2008, 9:53
Gatti: 3
BabbiPunti: 500
Località: Torino
Contatta:

Re: Vi racconto la storia clinica della mia Isotta

Messaggioda Pally » 21 febbraio 2010, 20:46

Grazie Edvige, grazie zia Silvì

:monia1:
Paola Immagine con Isotta+Olimpia+Filippo+Eva

YOGHI cagnone disabile, adottato a distanza, nostro nuovo membro della famiglia!

http://www.libreriaessai.com/

Avatar utente
Missi
MiagoMod
Messaggi: 8294
Iscritto il: 29 settembre 2008, 20:04
Gatti: 5
Località: modena
Contatta:

Re: Vi racconto la storia clinica della mia Isotta

Messaggioda Missi » 22 febbraio 2010, 9:36

vi abbraccio strette bube, insieme ce la farete...io commossa... :monia1: :monia1: :monia1: :monia1:
Non si possiede mai un gatto. Semmai si è ammessi alla sua vita, il che è senz'altro un privilegio. (Beryl Reid)

Vivi come se dovessi morire domani, impara come se dovessi vivere per sempre. (Gandhi)

Non aspettare il momento opportuno: crealo. (G.B. Shaw)

Gabri + Camilla&Topino&Dorothy&Proserpina

ImmagineRocco-Middy-Morgana-Ettorino Missi&Lulù per sempre

Avatar utente
GRI
MiagoIngaMod
Messaggi: 9788
Iscritto il: 17 febbraio 2009, 9:54
Gatti: 2
Località: ANCONA
Contatta:

Re: Vi racconto la storia clinica della mia Isotta

Messaggioda GRI » 22 febbraio 2010, 9:46

Forza Pally&Isotta: facciamo un tifo smodato... siete 2 toste
:flowers: :flowers: :flowers:
E' vero che non sei responsabile di quello che sei,
ma sei responsabile di quello che fai di ciò che sei.

------------------------------------------------------------------------
Accadono cose che sono come domande.
Passa un minuto, oppure anni, e poi la vita ti risponde

------------------------------------------------------------------------
Tre sono le tue frecce.
Una per la mente - Una per il cuore - Una per lo Spirito.
Ascolta.
Guida la mente per conoscerti, falla diventare strumento del cuore e tramutalo in potenza del tuo Spirito.
Vai Oltre... l'immagine che hai di Te.


Avatar utente
Silvi
MiagoFantescaAdmin
Messaggi: 16540
Iscritto il: 13 gennaio 2009, 13:29
Gatti: 3
altri amici pelosi e non: Birillo (fratello-cane)!!
Località: Firenze
Contatta:

Re: Vi racconto la storia clinica della mia Isotta

Messaggioda Silvi » 22 febbraio 2010, 9:46

Poco tempo stamani per scrivere. Però mi fa riflettere il problema autoimmune in bocca e questo calo adesso dei GB.
Forse lei ha qualche sballo "di base" a livello immunitario? :edvige1:
ImmagineLa mano sulla ciotola è la mano che governa il mondo.
Se a volte urlo la rabbia, poi dimentico e mi perdo nei mondi dentro agli occhi dei miei gatti
http://it-it.facebook.com/RenziLeaks

Chi compra cuccioli online è complice del traffico illegale

Avatar utente
Pally
MiagoMultiBabbing
Messaggi: 5008
Iscritto il: 6 settembre 2008, 9:53
Gatti: 3
BabbiPunti: 500
Località: Torino
Contatta:

Re: Vi racconto la storia clinica della mia Isotta

Messaggioda Pally » 22 febbraio 2010, 10:23

Sì Silvi, è una delle possibilità prospettate dalla vet. Dobbiamo andare a fondo proprio per capire ma è una possibiltà concreta.

Così come "forse" lo è stato anche la patologia epatica.
Paola Immagine con Isotta+Olimpia+Filippo+Eva

YOGHI cagnone disabile, adottato a distanza, nostro nuovo membro della famiglia!

http://www.libreriaessai.com/

Avatar utente
Missi
MiagoMod
Messaggi: 8294
Iscritto il: 29 settembre 2008, 20:04
Gatti: 5
Località: modena
Contatta:

Re: Vi racconto la storia clinica della mia Isotta

Messaggioda Missi » 22 febbraio 2010, 10:23

Pally, che colore hanno le feci di Isotta?
Non si possiede mai un gatto. Semmai si è ammessi alla sua vita, il che è senz'altro un privilegio. (Beryl Reid)

Vivi come se dovessi morire domani, impara come se dovessi vivere per sempre. (Gandhi)

Non aspettare il momento opportuno: crealo. (G.B. Shaw)

Gabri + Camilla&Topino&Dorothy&Proserpina

ImmagineRocco-Middy-Morgana-Ettorino Missi&Lulù per sempre

Avatar utente
Pally
MiagoMultiBabbing
Messaggi: 5008
Iscritto il: 6 settembre 2008, 9:53
Gatti: 3
BabbiPunti: 500
Località: Torino
Contatta:

Re: Vi racconto la storia clinica della mia Isotta

Messaggioda Pally » 22 febbraio 2010, 11:24

Missi ha scritto:Pally, che colore hanno le feci di Isotta?

color marrone normale e la consistenza pure, nessun odore più sgradevole del solito.
Paola Immagine con Isotta+Olimpia+Filippo+Eva

YOGHI cagnone disabile, adottato a distanza, nostro nuovo membro della famiglia!

http://www.libreriaessai.com/

Avatar utente
Dromilla73
Miagolandese
Messaggi: 1148
Iscritto il: 13 febbraio 2010, 15:49
Gatti: 3
BabbiPunti: 1000
Località: Prato ma sarda!
Contatta:

Re: Vi racconto la storia clinica della mia Isotta

Messaggioda Dromilla73 » 22 febbraio 2010, 14:18

non ti sarà di molto aiuto ma...tempo fa una mia cara amica di Torino in un grandissimo momento di sconforto mentre attendevo divorata dall'ansia gli esiti degli ultimi esami fatti per la mia micia molto problematica mi disse: ''tesoro...l'amore fa miracoli, ricordalo sempre''...dovrei farvi conoscere sai? Anche lei ha una micia che ha salvato e alla quale è legata a filo doppio...si chiama Isotta e ce la farà perchè è una grande guerriera e perchè la sua mamma ha ragione...l'amore fa davvero miracoli
Simona con Mirta Megala e Morgana+Minou, Ruggine, Cagliostro, Attina, NonnoUlisse, Junior, Cenerina, Pio, Dungo, Trilly, Napoleone, Codina Mozza e tutti gli altri angeli pelosi per sempre nei nostri cuori

Chica...Masua.....

Avatar utente
Pally
MiagoMultiBabbing
Messaggi: 5008
Iscritto il: 6 settembre 2008, 9:53
Gatti: 3
BabbiPunti: 500
Località: Torino
Contatta:

Re: Vi racconto la storia clinica della mia Isotta

Messaggioda Pally » 24 febbraio 2010, 12:34

Aggiorno mentre attendo i risultati di stasera

Dunque stamane ho portato Isotta per il secondo prelievo di rivalutazione e la vet mi ha molto confortato per questi motivi:

1) la micia sta oggettivamente bene, non manifesta nessuna sindrome o sintomo particolare, non ha insufficienze cardiache o respiratorie, è vigile, reattiva, mangia, sporca bene, non ha febbre.

2) fare i prelievi non è semplice con lei perché ha venine molto sottili da cui si cava poco sangue. Questo ha un preciso significato e cioè che è possibile che questi neutrofili scarsi, lo siano perché aderiscono alle pareti venose e infatti anche le piastrine sono basse all'esame del vetrino.

3) la forma dei globuli bianchi e rossi è normale, questo è un punto che depone a favore. Se fosse un problema midollare i globuli sarebbero immaturi o non ben formati.
La milza alla palpazione risulta normale e i dati enzimatici vanno bene. Quindi non dovrebbe trattarsi di una cronicità epatica.

4) Dal lab hanno detto che loro osservano spesso, specie nei felini, queste situazioni di neutrofili bassi, che è una caratteristica non inusuale insomma.

5) quando Isotta e Olimpia se le sono date e Isotta ha sanguinato un po', se avesse avuto un deficit immunitario avrebbe dovuto comparire un ascesso dalla feritina e invece no, nulla di tutto ciò

6) infine ha ricontrollato tutti i linfonodi palapabili e sono normali

Tutto ciò ci fa ben sperare. La vet infatti per ora non ha prescritto nulla, né ricostituenti né antibiotici.
Aspettiamo e vediamo, con un po' di fiducia ( e io dopata di ansiolitici :cleo1: )

stasera aggiorno con dati alla mano
Paola Immagine con Isotta+Olimpia+Filippo+Eva

YOGHI cagnone disabile, adottato a distanza, nostro nuovo membro della famiglia!

http://www.libreriaessai.com/

Avatar utente
Silvi
MiagoFantescaAdmin
Messaggi: 16540
Iscritto il: 13 gennaio 2009, 13:29
Gatti: 3
altri amici pelosi e non: Birillo (fratello-cane)!!
Località: Firenze
Contatta:

Re: Vi racconto la storia clinica della mia Isotta

Messaggioda Silvi » 24 febbraio 2010, 13:59

Aspettiamo fiduciosi! :luck:
ImmagineLa mano sulla ciotola è la mano che governa il mondo.
Se a volte urlo la rabbia, poi dimentico e mi perdo nei mondi dentro agli occhi dei miei gatti
http://it-it.facebook.com/RenziLeaks

Chi compra cuccioli online è complice del traffico illegale


Torna a “Patologie endocrine/metaboliche”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti